L'orto biologico fatto in casa - A proposito di menù a km 0
Scritto da Jessica Ingrami
Ecobenessere - Natura ed ecologia
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Sappiamo bene quanto siano importanti i germogli (grano, soia, miglio, ceci, fagiolo, lenticchie..) sia in un'alimentazione vegetariana che in una “onnivora”, e il miglior modo per procurarseli è.....coltivarli! E' talmente semplice che quasi non conviene acquistarli al supermercato, contando poi che rimangono per mesi in un liquido per preservarli.

Ciò che vi occorre sono: semi, ovviamente derivanti da coltivazioni biologiche; un comune vaso di vetro; un tovagliolo di tela o una garza a trama sottile; un colino; un elastico. Tutto qui.

Il procedimento è molto semplice: dopo aver scartato i semi rotti, brutti o ammaccati, mettete i superstiti nel colino e sciaquateli bene sotto il getto dell'acqua per eliminare le impurità, dopodichè disponeteli sul fondo del vaso di vetro. Tenete in considerazione che i semi aumenteranno 3-4 volte di dimesione, quindi scegliete bene il vaso! Riempite il contenitore con una quantità d'acqua tale da sovrastare di 4-5 dita lo strato di semi, chiudete il recipiente con la garza o il tessuto bianco e fermate con l'elastico. Riponete il vostro orticello-fai-da-te al buio e a temperatura media (15-25°C) per almeno 6-12 ore. Il tempo di messa a bagno dipende dal seme: più è grosso e più tempo necessita.

Trascorso questo periodo, capovolgete il vaso in modo che scoli attraverso la tela tutta l'acqua di macerazione, quindi, sciacquate bene i semini mettendo direttamente sotto il getto d'acqua il vaso e poi capovolgetelo per far fuoriuscire. La tela, che non va mai tolta, vi garantirà sempre di non perdere i semi ma di lavarli a modo e lasciarli costantemente umidi. Giorno dopo giorno, vedrete crescere i germogli, che potrete “cogliere” e gustare quando avranno raggiunto i 3-4 cm di lunghezza.

L'unico impegno che richiede questa “coltivazione” sarà quello di sciacquare i semi almeno due volte al giorno per i primi 2-3 giorni, successivamente invece sarà sufficiente farlo una volta sola. Ma volete mettere la soddisfazione di mangiare germogli coltivati da voi? Colti all'istante dal vaso di casa vostra? Provate e ditemi com'è andata, magari vi verrà voglia di ampliare la produzione.

 

Commenti  

 
#3 Grazia 2009-11-07 09:30 Quest'anno ho sperimentato nel mio piccolo giardino un orticello!!!
E ho visto spuntare cetrioli mini, radicchio, e anche la rucola..
mi sono sentita quasi miracolata…per la prima volta un diserbante naturale come me è riuscita a far nascere qualche cosa..
Viva l'orto!!
Citazione
 
 
#2 Jessica Ingrami 2009-11-06 13:56 Bravissima! Anche a me le maestre lo fecero fare, però col cotone e il grano! In effetti, quello serviva solo per capire il tasso di germogliazione dei semi..invece per magiarli è bene farlo come scritto sopra. Citazione
 
 
#1 verdesara 2009-11-05 20:21 Ricordo di averlo fatto quando ero piu piccola, con i fagioli e il cotone, ma forse il mio era solo un esperimento di scienze. Adesso vorrei il mio orticello! :-) Citazione
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piÙ.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information