EatArt - Cibo e Arte - fino al 22 giugno
Scritto da Menegonia
Life e Movida - Arte e spettacolo
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

locandina definitiva-mediaSpazio San Giorgio fino al 22 giugno presenta EatArt, mostra collettiva dedicata al legame tra Arte e Cibo.

La mostra EatArt propone un menù particolare, sedici artisti che si dilettano nelle varie espressioni artistiche, con un unico interrogativo e scopo, dare forma a un concetto, un pensiero sul ruolo del cibo nel contemporaneo. Una rosa di nomi interessanti che ci propone uno sguardo delicato sull’oggi. aSe il sushi, oggi vero food trend, diventasse un simpatico protagonista nelle stampe pulite e minimali, semplici e simpatiche di Stefano Perrone - Mi Suishido? Se una cornice dorata dal profumo seicentesco diventasse un piatto su cui gustare creme e dessert che diventano colori come sulla tela, come nel lavoro di Alessandro Castiglioni? O ancora le installazioni di Melania de Leyva con una simpatica riflessione manzoniana su una delle catene più famigerate del globo, from Mc Donalds to McSheet. Ma anche una melanzana può diventare di un viola sensuale e ammiccare ad essere una musa, come negli acquarelli di Rakele Tondini, che sia geneticamente modificata come le show girl che oggi ci propina la tv? Ai posteri l’ardua sentenza.
Ed ecco una mela protagonista di un teatro esistenziale, non potrà o non vuole più dare piacere, così una corda d’impiccagione cala tristemente sul frutto, Biancaneve non vuole più saperne e forse neanche casa Apple, così il soggetto fruttato di Serena Barotti ci costringe a riflettere sul senso della precarietà del gusto e dell’importanza alimentare, dei problemi che possono costellare l’atto del mangiare. E poi i pesciolini super colorati e cartoon di Yux,dal grafismo irrequieto, quasi fanno la linguaccia a Nemo, di Yux, dal grafismo irrequieto. Ironia e pop mescolati a dovere con i maialini volanti, nel volo dell’insaccato che dorme. Un uomo che sta per mangiare una mela rossa, nella pittura pastosa di Ian Woodard, i soggetti si stagliano su sfondi neutri, escono da palati anonimi e ogni piega, o riflesso è resa da un cromatismo ben calibrato. L’intransitività della mela è ben raffigurata, la rossa sta per essere mangiata, e il signore sembra ben compiaciuto dell’ etre en train de le faire. E poi le fotografie di Ilva Beretta, Clara Bigaretti, Francesca Brambilla e Serena Serrani, Wanda D’Onofrio, Davide Dutto, preziose still lifes di variegati cibi, differenti sguardi, inclinazioni, posizioni, differenti luci, posizioni e ombre, diversi tagli e messe a fuoco, diverse ottiche a confronto rivolte alla caducità dell’alimento e del gusto. L’interessante confronto di presentare piatti che troveranno attimi di eternità nell’universo fotografico, la prigionia di gusti e profumi intrappolata nell’essenza del fotografico, per sempre.
L’affascinante concetto di possedere visivamente ciò che non può durare, ciò che si consuma attraverso i sensi. E ancora il menù della mostra si srotola con le fotografie caravaggesche di ombre e luci di Serio Maria Corazza, le nature morte paradossalmente ritrovano l’eternità.

E poi Sofisticazioni Alimentari, i frutti, le verdure, il pesce o le uova proposte da Emiliano Zanichelli sono scomposte ma riunite da operazioni chirurgiche, sono piccoli Frankenstein dall’alimentare, sono piccoli mostri artificiali, geneticamente modificati, riassemblati da un pazzo chirurgo o chef. Sempre sulla riflessione verte il lavoro di Elisa Rescaldani, l’artista propone un discorso sul rapporto del cibo attraverso la rappresentazione di un corpo femminile, un corpo magro, un corpo malato, un corpo scavato, quasi un’apparizione evanescente e troppo fragile, perché non sempre quello che dovrebbe essere un normale piacere come il mangiare lo è, e allora ecco spuntare due ali nere, mortifere, macabre, che sanno di dolore.

Una mostra dunque ricca di spunti e differenti sguardi, differenti gusti, perché di gusto è necessario parlare, dell’arte che si presta a deittico, dell’arte che mostra e rivela l’invisibile che quotidianamente ci passa sotto il naso, dell’arte che pone attenzione e accento sul contemporaneo e sull’importanza del cibo, dell’arte che ci rende occhi per vedere l’essenziale che si cela sotto ciò di cui ci nutriamo.

Artisti in mostra: Serena Barotti, Ilva Beretta, Clara Bigaretti, Francesca Brambilla e Serena Serrani, Alessandro Castiglioni, Sergio Maria Corazza, Melania de Leyva, Wanda D’Onofrio, Davide Dutto, Stefano Perrone - Mi Suishido, Elisa Rescaldani, Rachele Tondini, Ian Woodward, Yux, Emiliano Zanichelli Blog partner apranzoconbea.blogspot.it
Vi aspettiamo quindi per un aperitivo insieme Venerdì 7 Giugno dalle ore 19.00 presso Cà Shin, Parco Cavaioni, via Cavaioni 1, Bologna.

L'evento Energia Nei Colli continuerà fino al 16 Giugno. 
 
per informazioni e prenotazioni

www.ca-shin.com

051-589419/589184

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.



Spazio San Giorgio

via San Giorgio 12/A

Bologna

3495509403

www.spaziosangiorgio.it

 

 



 
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piÙ.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information